Facoltà di Ingegneria - Guida degli insegnamenti (Syllabus)

Programma

Nuova ricerca Nuova ricerca    Stampa scheda Stampa scheda

Laboratorio di Urbanistica 1 (EA)
Laboratory of Urban Planning 1
Maria Angela Bedini

Sede Ingegneria
A.A. 2016/2017
Crediti 3
Ore 50
Periodo 1s
Lingua ITA

Prerequisiti
Elementi di base per la lettura della città e del territorio

Risultati di apprendimento attesi
CONOSCENZE E COMPRENSIONE:
L’insegnamento permette agli studenti di acquisire conoscenze avanzate sulla storia dell’urbanistica e prende in esame l’assetto degli insediamenti sotto il profilo storico, analitico e progettuale. Vengono approfondite la storia della pianificazione e le tecniche di elaborazione del Piano Urbanistico. Tali conoscenze costituiranno gli approfondimenti culturali e disciplinari per l’insegnamento di carattere professionale del quinto anno. Obiettivo del corso è l’acquisizione, da parte dello studente, di una cultura disciplinare di base, sulla quale costruire la formazione di un ingegnere urbanista, nel più ampio contesto intersettoriale delle dinamiche e degli assetti dei sistemi urbani, territoriali e paesaggistici.
CAPACITA' DI APPLICARE LE CONOSCENZE:
Al fine di affrontare tematiche progettuali attraverso l’applicazione delle conoscenze, in un contesto storico evolutivo della disciplina, lo studente dovrà saper interpretare correttamente le cause e gli effetti di evoluzione insediativa delle componenti urbanistiche primarie dell’urbs e della civitas. Tale procedura interpretativa si estrinsecherà attraverso la capacità di relazionare esempi e modelli storici di formazione e rimodellazione della città e dei territori a contesti della contemporaneità. Tale capacità si esprimerà attraverso una serie di abilità professionali, quali: 1. la capacità di interpretare correttamente i fenomeni evolutivi del passato attraverso letture critiche diacroniche dei modelli insediativi storici, in grado di orientate soluzioni tecniche in risposta alle problematiche contemporanee; 2. la capacità di identificare le valenze e le criticità, valutando una serie di elementi materiali e immateriali; 3. la capacità di interpretare gli aspetti fenomenici in atto, al fine di suggerire buone pratiche e indirizzi progettuali per assetti urbani e territoriali.
COMPETENZE TRASVERSALI:
La descrizione delle dinamiche culturali e socio-economiche, che hanno portato agli attuali contesti insediativi, va necessariamente rapportata alle competenze proprie di altri aspetti del settore urbanistico-territoriale, quali, ad esempio, l’evoluzione legislativa urbanistica nazionale e regionale, la salvaguardia ambientale, il riutilizzo dei nuclei e centri storici, la valorizzazione del paesaggio produttivo, l’assetto urbano delle aree costiere e l’assetto insediativo dei territori dell’interno, così come i nuovi modelli insediativi nelle aree extraurbane.

Programma
A. L’evoluzione storica dell’Urbanistica. Definizioni di città e di urbanistica. La bellezza salverà le città, Il respiro luminoso delle Marche. Il racconto delle città negli scritti di letterati. L’idea di città nelle varie epoche. Parigi di Haussmann. Londra. Il “Ring” di Vienna. Lo spazio urbano nel mondo arcaico. Le città antiche. Breve descrizione dei diversi tipi di città nella storia dell’urbanistica: Babilonia, Mohenio-Daro e Harappa. Città egizie. Città cretesi. Micene. Atene, la città stato ieratica, la polis democratica, il territorio reticolato dell’impero romano. Dalla città di Dio al comune borghese. La città medioevale. La città ideale dell’Umanesimo e del Rinascimento. Le città ideali. La forma dell’utopia sociale. “Utopia” di Tommaso Moro. “La città del Sole” di Tommaso Campanella. La città “formale” del classicismo barocco. Le origini dell’urbanistica moderna. Gli squilibri della rivoluzione industriale. Le utopie del XIX° secolo: Owen, Fourier, Godin, Cabet. Camillo Sitte. La città giardino di Howard. La città lineare di Soria y Mata. La città industriale di Garnier. Cenni alle scelte urbanistiche di Le Corbusier e di Wright. Le città parziali: la città mobile, la città panorama, la città della grande dimensione, la città compatta, la città frammentata e la città sgranata, la città delle strade, la città verde, la città dei materiali. B. I Piani Urbanistici e la loro evoluzione legislativa e progettuale, Il Governo del territorio e il sistema della pianificazione generale e attuativa. La nuova proposta di Legge Regionale delle Marche «Norme sul governo del Territorio». La cura del Paesaggio. Piano Paesistico Ambientale Regionale e la Pianificazione Urbanistica. Lo stato della Pianificazione nella Regione Marche. Zone di piano e indici urbanistici It, Ut, If, Uf (variabili, unità di misura, range). La legge 1150/42 e il sistema dei Piani. La ricostruzione post bellica. Il Piano strutturale: architettura generale ed esempi di piani. Alcuni Piani notevoli di città italiane. La sostenibilità ambientale nella pianificazione (VAS). Dalla legge 765/67 alla Legge 478/85. Le innovazioni nella pianificazione urbanistica negli anni ’80 e ’90. Le analisi per il Piano Urbanistico. I documenti del Piano: le norme tecniche di attuazione. il PORU. La progettazione urbana. La città compatta e il suo sviluppo storico. Porto e città.

Modalità di svolgimento dell'esame
L'attività degli studenti sarà verificata nell'ambito dell'esame relativo all'insegnamento cui è affidata la gestione del laboratorio stesso.

Testi consigliati
LIBRI DI TESTO: M.A.Bedini, G.Marinelli, Il respiro italiano, Gangemi Editore, 2015; F. Bronzini, P. N. Imbesi, M. A. Bedini. “La misura del Piano. Valutazione comparata della qualità nei piani urbanistici”, Vol. 1, Gangemi Editore, Roma, 2014; F. Bronzini, P. N. Imbesi, M. A. Bedini e altri “La misura del Piano. Strumenti e strategie”, Vol. 2,, Gangemi Editore, Roma, 2014. ALTRI LIBRI DI RIFERIMENTO: F.Bronzini, M.A.Bedini, G.Marinelli (a cura di), Mterritorio numerotre, Ancona Univerity Press, Ancona, 2015

Corsi di laurea
  • Ingegneria Edile-Architettura (Corso di Laurea Magistrale con Riconoscimento Europeo (DM 270/04))




Università Politecnica delle Marche
P.zza Roma 22, 60121 Ancona
Tel (+39) 071.220.1, Fax (+39) 071.220.2324
P.I. 00382520427